to top

special Missoni

Stoffe

Avevate ragione, la famiglia di cui stavo parlando è proprio la splendida famiglia Missoni, con la quale ho avuto l’enorme piacere di trascorrere la giornata. Dopo uno squisito pranzo intimo in casa di Ottavio e Rosita, (la Signora era in viaggio all’estero, qui non ci si ferma mai!) circondati dai tessuti e dai colori Missoni, ci siamo spostati pochi metri per vedere la produzione completa iniziando dalla scelta dei colori dei fili fino al capo completato. Angela Missoni mi ha illustrato il percorso, come funzionano le macchine, come vengono caricati i fili (una quantità incredibile), i test dei colori, la stiratura dei tessuti per fissare i punti. Siamo poi andati a vedere il laboratorio dove vengono cuciti i capi della collezione attuale, tante donne in fila che lavorano con pazienza e perfezione. Nel ufficio stile ho potuto sbirciare il mood board della prossima collezione, e i disegni appesi sul muro, tutto top secret ovviamente!

Sono passati tanti anni da quando Ottavio iniziava a creare le prime tute da ginnastica in lana, dal primo laboratorio di maglieria insieme a Rosita nel seminterrato della loro abitazione. Che dire, mi sono sentita avvolta dal calore della famiglia, una famiglia unica, inimitabile e unita che tramanda di generazione in generazione la passione per la moda, per i colori e per il lavoro, perchè si sente che è una famiglia che lavora tanto, con impegno, dedizione, amore e gioia! Ho lasciato Angela che doveva seguire gli ultimi ritocchi alla collezione uomo, che sfila a Milano domenica. Pochi giorni ancora per finire tutto! Grazie mille, è stata una giornata davvero speciale!  Sono felice di condividerla con voi, ecco cosa ho catturato:

volete vedere la collezione donna A/I? Ecco qui!

  • Letizia

    Che stra-meraviglia! Ci credo, che è stata una giornata speciale, io sarei impazzita :-D, in mezzo a quell’esplosione di colori e tessuti! Missoni è da sempre uno dei miei brand preferiti (ma che per motivi di budget mi limito ad ammirare da lontano :-(), per la sua unicità, non c’è nessuno al mondo che possa lontanamente eguagliare la genialità di questa famiglia, per non parlare della Famiglia stessa, che si è sempre distinta sotto molteplici aspetti. Ottavio e Rosita sono un esempio, due veri Signori con la maiuscola; ricordo ancora la recente e splendida intervista ad Ottavio nel salotto di CTCF, un grande!
    Angela ha preso le redini dell’azienda in mano, ma come si è sempre visto, è una Famiglia unitissima che ama il proprio lavoro e lo fa da sempre con passione e serietà, e che speriamo tramanderà di generazione in generazione (se non ricordo male, anche Margherita collabora alle collezioni, o sbaglio?). Per fortuna, queste piccole opere d’arte sono uno dei vanti di cui in Italia si può ancora andar fieri!
    Brava, bellissimo reportage, ti sei superata ancora una volta! 😉
    Baci

    P.S. Che bella la foto di te accanto la M… e poi indossi la gonna che avevo già ammirato in un altro post!
    P.P.S. Ops… ho appena riletto il tuo post, e mi sono accorta che abbiamo usato le stesse parole per descrivere i Missoni… giuro che non ti ho copiata, evidentemente è un parere unanime! 😉

    15 giugno 2011 at 21:20 Rispondi
  • laura

    ho sempre ammirato questa famiglia..sei davvero fortunata ad aver avuto l onore di conoscerla! siamo davvero fortunati pure noi di avere questo genuino Made in italy! siamo inimitabili!!!! un bacio

    15 giugno 2011 at 21:56 Rispondi
  • Mode in Italy

    Indovinato!!!!

    15 giugno 2011 at 23:03 Rispondi
  • Domenico Baldari

    Avec ses vêtements ondoyants et nacrés,
    Même quand elle marche on croirait qu’elle danse….

    CB

    16 giugno 2011 at 11:32 Rispondi
    • Letizia

      Mon Dieu, è ufficiale: Baudelaire si è impossessato del corpo e della mente del Sig. Domenico! Qui si va ben oltre le sedute spiritiche… 😉

      16 giugno 2011 at 11:41 Rispondi
      • Domenico Baldari

        No, no: CB ha vita propria e fa tutto da solo. Semmai sono io che qualche volta mi impossesso di lui, così come di molti altri ( AZ, GU, SQ, RV, EDF, EM, HH,WS,LA,GL,DC,VM,SE,BP,FP,WG,PV,AR,TT, BM, IB etc.etc.etc.).

        A parte questo, CB stavolta ha proprio ragione: i tessuti e le vesti di Missoni sono davvero ‘ondoyants et nacrés’. Gesualdo Bufalino traduce ‘ondose e iridescenti’.

        DB

        16 giugno 2011 at 12:24 Rispondi
        • Letizia

          … e OW dove lo mettiamo? 🙁 Noto con disappunto la sua assenza, e se fa parte di quel “etc.etc.etc.” a mio avviso non se lo merita, lui è una spanna sopra! 😉

          16 giugno 2011 at 13:09 Rispondi
  • Domenico Baldari

    Potrebbe esserci tra gli etc. ma l’elencazione é in ordine casuale e privilegia i ‘lirici’.

    DB

    16 giugno 2011 at 13:57 Rispondi
  • Melania

    I colori, le stoffe le donne che lavorano con il metro intorno al collo tutto ma proprio tutto, mi riconduce a quando ero ancora piccola e mi aggiravo per i corridoi dell’azienda di mio nonno che produceva giacche da uomo….
    Per cui ti ringrazio non solo perchè ci hai fatto fare un bellissimo viaggio nell azienda di Missoni e con il solito entusiasmo ci hai raccontato la tua giornata, ma sopratutto perchè grazie alle tue foto mi sono venuti in mente tanti bei ricordi…

    16 giugno 2011 at 18:15 Rispondi
  • naty

    Ho visto questi tessuti dai colori meravigliosi,per accostamenti,io ancora una volta penso ai fiori,al mare ,alle stagioni,che si manifestano con queste sumature i,anch’io dico fortunata Fili che puoi avvicinarti ,e trasferirci le tue emozioni,ciao,naty

    16 giugno 2011 at 18:55 Rispondi

Post a Reply to naty Cancel Reply