to top

getting to know piero

SONY DSC

We nurtured our eyes and soul with the beauty of the painting La Madonna del parto, (Madonna in labour) by Piero della Francesca. The masterpiece is exposed in the small town of Monterchi, origin of Piero’s mother. It was very interesting getting to know the story of this famous painter and I’m fascinated by all the amazing treasures and beauty that you’ll find even in the smallest towns of the Italian countryside. The quest continues.

  • Letizia

    Heilà! 🙂
    Proprio in questi giorni pensavo ai tuoi sandali A. M., non li avevamo ancora visti ai tuoi piedini durante le tue scorribande estive… eccomi accontentata! Allora, esame superato? Ci hai camminato molto, fino ad ora? 😉 Come stai bene, vestita così, semplice e superchic, grazie a borsa, scarpe e bracciale… del resto, è sempre il dettaglio che fa la differenza! 😀
    Già, l’Italia… un paese che va sempre più alla deriva, ma che grazie al cielo ci regala dei tesori unici ed inestimabili, non c’è angolo della nostra penisola che non pulluli di gemme architettoniche e artistiche, ed in questo particolare caso non finirò mai di dire che sono fiera di essere italiana, per il patrimonio che ci portiamo alle spalle e che sicuramente tutti ci invidiano. Peccato che nessuno ne tenga conto come dovrebbe, se non altro per farci dimenticare le “brutture” che ci circondano quotidianamente… 🙁
    Baci e buona domenica a tutte/i!
    Lety

    28 August 2011 at 14:32 Reply
    • Letizia

      Definitely! 😉 Trattando certi argomenti, si aprirebbe una voragine, e non è il caso… in fondo, PlanetFil è la nostra oasi di serenità ed inesauribile fonte di sorrisi, guai a chi ce la tocca! Grrr! 😉
      Smack! Enjoy yr Sunday!

      28 August 2011 at 15:11 Reply
  • Natalia

    Quanta poesia in questo post! Sono d’accordo con te, la donna incinta è straordinariamente bella, la donna che allatta al seno mi sembra divina, la donna che tiene il bambino…L’esperienza più bella, più importante che possa capitare ad una donna! Mi fa tenerezza anche a vedere gli animali che tengono per i loro figli: i cavalli, i gatti, i cani…Viva la vita!!! Bellissimo l’affresco… Buona giornata a tutti!

    28 August 2011 at 14:46 Reply
    • Letizia

      Hai ragione! L’amore materno nel regno animale è qualcosa di sconvolgente, che mi procura sempre brividi e lacrime di commozione mista a tenerezza, come si potrebbe restare impassibili davanti a tanta meraviglia?!

      28 August 2011 at 15:38 Reply
  • PuroNanoVergine

    A Milano, puoi ammirare di Piero della Fancesca la bellissima Pala di Brera (Sacra Conversazione):

    http://it.wikipedia.org/wiki/File:Piero_della_Francesca_046.jpg

    Have a good domenica 🙂

    28 August 2011 at 15:45 Reply
  • naty

    Quanta arte è nata nel periodo Rinascimentale,nessun altro periodo è stato cosi fiorente,sapere tutto è quasi imposibile,ma quando si viaggia come dici tu Filippa anche in piccoli luoghi si puo’ cogliere le bellezze del Rinascimento ,l’affresco che ci hai presentato è uno dei tesori italiani, di questo periodo ,un saluto naty

    28 August 2011 at 16:30 Reply
  • Silvia.s

    Ciao fil From ny under hurricane irene!! E’ bello anche da qui leggerei/vi !!
    Qui non e’ così tragica la situazione!! Solo si deve restare chiusi in hotel speriamo che stasera smetta di piovere e poter fare almeno due passi!! Ti rendi conto essere a new york e dover restare in hotel con tutta la città ferma,tutto chiuso!! I’ m so sad!!
    Baci sy

    28 August 2011 at 16:40 Reply
    • Letizia

      Dai, Silvia, adesso puoi tirare un piccolo sospiro di sollievo, il TG ha appena comunicato che l’allarme è rientrato e il peggio è passato… immagino non sia stato facile vivere quest’esperienza, a suo modo surreale… un giorno potrai dire ai tuoi figli/nipoti, tuo malgrado e nonostante la circostanza poco felice, “IO C’ERO!!!”!
      Buona permanenza nella Big Apple! Ciaooo!
      Lety

      28 August 2011 at 20:27 Reply
  • naty

    Silvia ,auguri ,che tutto si risolva nel migliore dei modi,ciao,naty

    28 August 2011 at 17:25 Reply
  • Melania

    Un post così bello non poteva non essere commentato…
    Fierissima di essere Italiana arte, storia, poesia, cibo , territorio e tanta bella gente(avrò tralasciato sicuramente qualcosa) a noi non manca proprio nulla siamo noi che non ancora ci siamo accorti del grande patrimonio che i nostri avi ci hanno lasciato in eredità è ora di mettere in moto la nostra Ferrari che purtroppo si limita ad andare alla velocità di una Cinquecento:(….
    Grazie Fili di averci ricordato in questi giorni quanto è bello il nostro paese e permettimi di dirti che noi siamo felicissimi di adottarti qualora tu lo vorrai!!!!
    Io ho l’abitudine di perdermi a guardare i pancioni di madri in dolce attesa e come se qualcuno mi avesse ipnotizzato, immagine dolcissima e bellissima!!!
    Buona serata…
    @Silvia S. Capiti nel momento sbagliato a New York, teniamo le dita incrociate affinché tutto possa risolversi per il meglio.

    28 August 2011 at 19:38 Reply
  • Ilaria

    Fil quanto hai ragione sul fatto che dovremmo salvaguardare molto di più il nostro Bel Paese, amarlo e “volergli bene”
    @Silvia: per fortuna che Irene è passata!!!!!

    28 August 2011 at 23:12 Reply
  • DB

    Cara Filippa,

    penso che Lei conosce ‘Nostalghia’ di Andrej Tarkovskij.
    Contiene l’omaggio più alto alla Madonna del Parto che un intellettuale dei nostri anni abbia tributato a quest’opera di incanto e mistero.
    Inoltre, ‘Nostalghia’ é l’opera filmica in cui si svolge una delle riflessioni più suggestive sulla bellezza e sulla difficoltà di comprenderne tutta la portata e le implicazioni.
    Il protagonista del film, lo scrittore Gorciakov, prova addirittura spossamento, stanchezza nella contemplazione dei capolavori e delle bellezze che quella parte d’Italia offre (il film é ambientato in buona parte, se non ricordo male, tra Monterchi e Bagno Vignoni).

    Bisogna vedere o rivedere questo film per stabilire il necessario rapporto con la bellezza e capire che non é un ‘di più’, ma il fondamento stesso dell’esistenza dei singoli individui e delle comunità.

    Il discorso é lungo e complesso, come Lei dice opportunamente, ma andrebbe aperto prima o poi ( magari non di domenica ma in giorni feriali).

    Complimenti per il reportage e saluti cari,

    DB

    30 August 2011 at 22:18 Reply
  • DB

    Cara Filippa,

    Andrej Tarkovskij é un regista russo morto prematuramente molti anni fa.
    ‘Nostalghia’ é un film dell’inizio degli anni ’80 quando lei era una bambina.
    E’ quindi comprensibile che non conosca il film e il regista.

    Per quanto riguarda l’ignoranza, direi che siamo tutti -necessariamente- ignoranti, nel senso che nessuno sa tutto di tutto (e poi a che servirebbe ?).

    Quello che importa é provare curiosità, essere disponibili al nuovo, apprezzare l’insolito, avere capacità selettiva e disporre di un proprio ‘schema’ entro il quale ordinare le esperienze.
    A quello che posso vedere dal blog, Lei ha tutte queste prerogative.

    DB

    P.S. Già che c’é, veda di procurarsi anche ‘Andrej Rubliov’ che -a mio parere- é il capolavoro di Tarkovskij. A proposito del rapporto tra arte e storia, arte e società….

    1 September 2011 at 12:16 Reply

Leave a Comment