to top

RL

DSC_1898

Serata da Ralph Lauren con un po’ di shopping di Natale. Linee eleganti ma anche dei mix di materiali, come il velluto mischiato con il tweed, la camicia a quadri con la giacca elegante e papillon per lui. (ohyes fili-boys, da copiare subito per le feste!) Mentre io guardavo le camice da¬†boscaiolo le Signore andavano matte per le maglie per i loro piccoli…cani. Eh, anche loro sentono freddo, no? (mai visto un cane svedese con la maglia, ma sono appunto, svedesi) ūüôā Buona giornata! fili.

RL DSC_1911DSC_1900 DSC_1909  DSC_1896DSC_1895

  • DB

    Cara Filippa,

    concordo sul fatto che Ralph Lauren resta un marchio di valore. Ha fatto sempre cose molto belle e in passato ho acquistato numerosi ‘pezzi’. Soprattutto camicie, polo estive, felpe e un paio di giacche. Alcuni di questi pezzi sono ancora in buone condizioni e questo dice della qualit√†.
    Per√≤, √® accaduto che il marchio -da una dozzina di anni in qua- √® ‘esploso’ e si √® inflazionato. Buon per loro, meno per me che vorrei solo cose anonime e non di firme esageratamente famose.
    Io, per la verit√†, sono rimasto all’idea del sarto, anzi del ‘sartulillo’. Ne avevo uno che era il pi√Ļ economico della citt√†, un tipetto assai dimesso, ma spiritoso. Per√≤ riusciva a tirare fuori -certe volte- degli abiti che sembravano di grande sartoria. Tra acquisto della stoffa e decisioni sul taglio e sulla manifattura c’era la concreta possibilit√† di avere qualcosa di elegante che rispecchiava il tuo gusto e premiava la capacit√† dell’artigiano.
    Quando andavi da qualche parte e ti dicevano ‘che bello, come ti sta bene, come sei elegante’ era una notevole soddisfazione. Adesso con un abito griffato puoi solo dire dove l’hai comprato, quanto l’hai pagato e puoi fare il conto di quanta gente ha esattamente la stessa cosa addosso.

    Non dirmi che i sartulilli non ci sono pi√Ļ e che nel frattempo il mondo -a mia insaputa- √® cambiato. Ti assicuro che lo so, lo so, lo so….

    DB

    28 novembre 2013 at 10:46 Rispondi
      • DB

        I sarti e i sartulilli sono quasi scomparsi, purtroppo. Il mio -Rafilino (Raffaele)- ha resistito fino a qualche anno fa solo perché riusciva a costare poco.

        Ti mostro un filmato su una sartoria teatrale di Napoli. Il filmato √® di qualche anno fa. Adesso la sartoria sta chiudendo. E’ un fatto triste anche perch√© non si capisce che fine far√† questa enorme galleria di abiti, alcuni storici.
        Il mio sartulillo somiglia -come fisico e come modo di parlare- a quello che vedi ora.

        http://it.bing.com/videos/search?q=sartoria+artistica+teatrale+costumi+napoli+&qs=n&form=QBVR&pq=sartoria+artistica+teatrale+costumi+napoli+&sc=0-25&sp=-1&sk=#view=detail&mid=DCE39FFE6844B7547560DCE39FFE6844B7547560

        30 novembre 2013 at 08:46 Rispondi
          • DB

            La faccenda di Prato √® tristissima in s√©, ma fa anche capire il livello di ‘scollamento’ cui siamo arrivati noi italiani.
            1) I cinesi di Prato -e di tanti altri posti- sono una realtà da anni. Vivono e lavorano da sempre nel modo che vediamo e ciò è noto a tutti.
            2) Molti di loro sono ridotti in schiavit√Ļ -o si autoriducono in schiavit√Ļ- perch√© hanno l’obiettivo di cumulare soldi rapidamente per reinvestirli in Italia o, pi√Ļ spesso, per mandarli in Patria (si dice che le ‘rimesse’ dei cinesi in patria sommano a circa 4 miliardi di euro l’anno).
            3) I cinesi si sono impossessati di alcuni settori dell’economia (a partire dal tessile e dall’abbigliamento ) perch√© fanno tutto al nero, senza il minimo rispetto delle leggi italiane, sia dal punto di vista fiscale che delle leggi sul lavoro.
            4) La loro aggressività commerciale e la loro sostanziale illegalità contribuiscono alla crisi di tante aziende italiane che -al contrario- sono sottoposte a mille vincoli, a costi economici insopportabili e a rotture di palle quotidiane.
            Tutto questo -e altre anomalie- √® ben chiaro a tutti, per√≤ -solo dopo un fatto tragico- ci svegliamo dal nostro eterno sonno, ci scandalizziamo, ci addoloriamo (o facciamo finta di….).
            Piuttosto si vada a dare un’occhiata a questi capannoni, a questi magazzini, a quello che c’√® dentro. Stanno dappetutto e alla luce del sole….Magari, con un minimo di attenzione e di consapevolezza si riesce ad evitare -tra l’altro- anche tragedie come queste.
            Un amico magistrato che si occupa anche di sofisticazioni alimentari alla Procura di Napoli raccontava -in termini molto generali, ovviamente- di ci√≤ che arriva dalla Cina e anche dall’Africa (ma sempre per mano dei cinesi) e finisce nei nostri stomaci…..Una cosa che ti fa passare ogni appetito. Per√≤ √® roba che costa poco, fa guadagnare chi la maneggia e quindi trova sempre i suoi canali di vendita.

            Giornata difficile oggi….

            DB

            3 dicembre 2013 at 08:25
  • veraB'

    RL lo associo molto ai miei nipoti ed ai bimbi in genere, l’ho acquistavo spesso per loro perch√® mi piacevano molto vestiti con i loro pezzi, su di me non mi sono mai trovata nonostante di cose belle ne ho viste, magari quando diventer√≤ pi√Ļ grande, mai dire mai !!!

    Buon giovedì
    veraB’

    28 novembre 2013 at 11:44 Rispondi
  • Letizia

    Le camicie ‘da boscaiolo’ mi sono sempre piaciute, ne ho avuta anche una a quadri rossi/neri come quella della foto 1 sul sito di VF, con un paio di jeans e un cardigan coccoloso sono il top!
    Pollice su per gli accessori RL, adoro scarpe, borse e bijoux!
    Pollice gi√ĻISSIMO ūüôĀ per l’abbigliamento cane/gatto, nun se po’ tollera’ (in verit√†, pi√Ļ le padrone che le loro povere bestiole che non hanno colpa)!

    28 novembre 2013 at 14:40 Rispondi
  • manupia

    beh …. non √® assolutamente male che nella vostra famiglia non solo ci sia l’unisex, ma scambio tra mamma figlia uomo donna ….. ūüėČ
    anche a me i cani con pelliccette impermeabili cappottini ni fanno sorridere…
    Il marchio RL io invece lo associo sempre all’immagine delle vacanze in montagna ….

    manupia

    28 novembre 2013 at 15:41 Rispondi
  • Dorothy

    Ciao Filippa
    mi piace un sacco lo stile RL soprattutto in inverno … bellissimi i maglioni soprattutto quelli colorati… per rallegrare il grigio di citt√†!
    http://frufruprincess.com/2013/11/28/alice-street-style/
    Dorothy

    28 novembre 2013 at 15:54 Rispondi
  • laura

    ciao pianeta
    amo molto i maglioni e di RL ne ho due che mi hanno regalato due natale fa e sono sempre perfetti nonostante li abbia lavati pi√Ļ volte
    mi piacciono molto i nuovi colori e anche la borsa nera della seconda foto
    i cani stanno bene anche senza maglione! dai su ūüėČ
    scaldiamoli noi di affetto!!
    kiss

    28 novembre 2013 at 17:05 Rispondi

Leave a Comment