to top

pronti via

sdr

Cosi, per cambiare argomento.

No, non sono pronta per la prova costume. No, non ho trovato un bikini nuovo. No, non sono io nelle foto. Si, bevo il caffè. Sì prendo anche il supradyn, magari mi sveglio anche oggi. Si, ultima fatica sui pedali.

Ma quanto è bello quel maglione? 😉 (qui è dove i maschi scrivono la loro)

…e si, vi voglio bene!

edf

foto da marieclaire

  • DB

    Una donna di mezza età mi si avvicina e chiede: “Scusate, voi siete forestiero ?” “No, sono di qua”, “Ve la posso fare una domanda ?”, “E come no”, “Ma chi è ‘stu dolce gabbiano ?”.

    Sui due celebri stilisti ero prevenuto, ma avevo torto. Riconosco che si sono mossi con intelligenza e garbo dentro la storia e i simboli della città.
    Dolce e Gabbana hanno organizzato varie feste a carattere privato. Io ho partecipato solo a una di queste: il venerdì sera nella piazzetta del Borgo Marinari, ai piedi di Castel dell’Ovo.
    Le feste erano riservate agli ospiti di D&G. Alcune centinaia di giornalisti, esperti e commercianti di moda. Quasi esclusivamente stranieri, con moltissimi asiatici.
    I napoletani ammessi alle feste sono stati pochi: gli abitanti dei luoghi utilizzati e le maestranze a vario titolo impegnate.
    Gli abitanti del Borgo Marinari –un posto tipico e, per me, magico della città- sono quattro gatti e di mestiere fanno i pescatori, i barcaioli, i pizzaioli, i ristoratori.
    Alla festa sono capitato in modo fortuito, grazie all’amicizia con alcune persone del Borgo. Di fatto, ero un imbucato, però è stato divertente.
    Sono passato velocemente dalla diffidenza verso D&G -di cui, fino a quel giorno, avevo visto solo mutande che fuoriuscivano dai pantaloni di brutti adolescenti- all’ammirazione per la maestria artigianale e per il gusto eccentrico e spettacolare. D&G sono stati una scoperta, ma solo per me: tutti parlavano con proprietà delle collezioni, delle promozioni, del successo assicurato, dell’abilità del fotografo, della bellezza degli allestimenti. Tutti sapevano vita morte e miracoli. Pure gli uomini dell’ormeggio che, a vederli, proprio non diresti.

    Quando si è avvicinata la donna -certamente, un’abitante del Borgo- stavo parlando con un componente dell’organizzazione, una persona simpatica. Da quello che diceva, sembrava che si occupasse di pubblicità e marketing. Mi parlava di come Napoli fosse stata scelta per le sue straordinarie peculiarità e mi parlava, in generale, del rapporto tra media e mondo della moda, di come si veicola l’informazione, della creazione di eventi. Un discorso ampio e interessante che descriveva uno dei tratti essenziali della nostra epoca.
    La donna, in quel contesto, arrivava come un incidente inatteso, come il segno di una realtà inafferrabile. Sul ‘dolce gabbiano’ stavo per scoppiare a ridere, ma poi ho considerato che lei, la fortunata, viveva al riparo dai flussi di notizie, che la sua vita scorreva indifferente a quella che chiamiamo ‘modernità’, ed ho provato invidia e ammirazione.
    Mi sono scansato, ho messo la donna del Borgo di fronte al simpatico signore milanese e a questi ho detto “Risponda lei”.

    19 luglio 2016 at 10:27 Rispondi
  • Giu

    @DB sempre godibilissimi i tuoi stralci di vita, mondana o no che sia. Squarci di vita meravigliosi.
    @Fili il maglione è belllllllllisssssssimo, ma anche il cappello ‘fa la sua porca figura’ come si suol dire. Eppure… confesso che sono più attratto dai Pan Di Stelle… dici che è un segno?
    Sì, anch’io ti voglio bene, come voglio bene a tutti gli amici del Planet, ma questo non è un segreto.


    19 luglio 2016 at 12:14 Rispondi
  • Laura C

    Oggi rientro veloce dalla campagna e quindi leggo e rileggo post arretrati…
    A me il Supradyn mi fa venire la nausea!, ho dovuto cambiare integratore… dai che fra poco si vola in Umbria a riposarsi!
    @DB. Favoloso racconto.

    19 luglio 2016 at 13:26 Rispondi
  • naty

    Con un sorriso ,si può… pan di stelle ,e poi :”il dolce gabbiano”, e il voler bene di Giu
    le pagine del tuo libro cara fili sono meglio del Supradyn…baci ,naty

    19 luglio 2016 at 13:57 Rispondi
  • Letizia

    Pedala, pedala, che la meta (delle vacanze) è sempre più vicina… 🙂
    Sì, direi che quel maglione è perfetto per te!
    Baci e… ma certo che anch’io/anche noi ti voglio/vogliamo tanto, tanto bene, c’è bisogno di ricordarlo ancora una volta?! Sì, c’è bisogno, che non fa mai male! 😉 ♥

    P.S: @DB, mi associo agli altri… 😉 🙂

    19 luglio 2016 at 14:20 Rispondi
    • fili

      fili

      oggi come oggi, ce ne sempre piu’ bisogno… hugs! f

      19 luglio 2016 at 22:19 Rispondi
  • PuroNanoVergine

    Oh my God, anche DB ce lo siamo giocati: è uscito il metrosexual che era in lui 🙂

    Mi unisco al volersi bene del Planet.

    In questo blog si percepisce l’amicizia, l’affetto, la stima, il piacere di una rilassante quotidiana condivisione d’opiononi, di stati d’animo, un idem sentire che ci rende una piccola comunità..

    p.s. un buon integratore è Helvesana (costa un occhio della testa, ma mi è stato utile quando le pile erano quasi del tutto scariche).

    19 luglio 2016 at 14:44 Rispondi
    • Laura C

      Moreno caro, puoi essere al top delle tue abilità, ma”‘ stu “dolce gabbiano” è difficilmente superabile! XD
      Os quiero a todos!

      19 luglio 2016 at 15:30 Rispondi
      • PuroNanoVergine

        Certo Laura,
        “stu dolce gabbiano” è insuperabile. 🙂

        19 luglio 2016 at 17:05 Rispondi
        • DB

          Dopo commentavo con l’esperto di pubblicità che ‘Dolce gabbiano’ potrebbe essere un ottimo nome per una pasticceria sul mare. Al Borgo Marinari il mare è ovunque e i gabbiani pure. Forse la signora credeva che tutto quell’ambaradan con luminarie, orchestra e balletti fosse l’inaugurazione di una pasticceria….E’ rimasto un mistero.

          20 luglio 2016 at 13:26 Rispondi
  • morgan

    Ciao ragazze/i io la prova costume l’ho già fatta…ed è sempre peggio! Sto trascorrendo qualche giorno di vacanza a Senigallia visto che ad agosto devo lavorare ed è sempre bello leggere i vostri commenti sotto l’ombrellone!
    P.s il mio consiglio come integratore? Alga Spirulina..il nome fa un po’ ridere ma per me funziona!

    19 luglio 2016 at 16:12 Rispondi
    • Letizia

      Pollice su per la Spirulina! L’ho presa per parecchi mesi e devo dire che raramente accusavo stanchezza o calo di tono durante la giornata!
      Buona continuazione di vacanza, amico! 🙂

      19 luglio 2016 at 16:38 Rispondi
      • Claudia Oliveri

        Ot a me la spirulina l’avevano data per ingrassare

        19 luglio 2016 at 22:22 Rispondi
  • Claudia Oliveri

    Riesco a leggere ora …rinfrescata dalle foto di Fil …DB bellissimo racconto …sulle potenzialità di Napoli credo che in molti si stiano ricredendo .non è un caso se non ricordo google o Apple abbiano deciso di investire lì per il futuro…per quanto riguarda il costume io quest’anno ho già dato …10 gg di “riviera romagnola, …( quest’anno parlare di mare mi risulta ostico )) …ho preso come d’abitudine un pezzo in un rinomato negozio a Riccione …un top stile anni 50 a quadrettini vichy ….spettacolo… Per il resto resisto con i oezzi degli scorsi anni nonostante i 3 kg presi in questi gg…parlare con voi è sempre un piacere ..have a good sleep Planet!!!

    Ot al mare nuova amicizia …una bimba svizzera di 9 anni che con assoluta serenità parlava passando dall’inglese al francese al l’italiano …il mio lato linguistico ha sofferto parecchio insomma mi sono sentita alla Fantozzi …una merdaccia

    19 luglio 2016 at 22:21 Rispondi
    • DB

      Cara Claudia Olivieri,
      è la Apple che ha deciso di aprire una scuola di alta formazione a Napoli. Credo che molto sia dipeso dai pareri del console americano, una gentile signora che si chiama Colombia Barrosse, la quale è convinta che qui ci sia una buona base umana e intellettuale. E potrebbe essere persino vero.

      Vedo anch’io che le ‘quotazioni’ di Napoli salgono e scendono. Adesso siamo in ascesa, pare. Francamente, non capisco da cosa dipendono le oscillazioni periodiche. C’è stato un solo momento nella storia recente in cui è avvenuto qualche cambiamento significativo ed è stato nel ’93/’94. Per il resto, ti assicuro che tutto procede come al solito da svariati secoli. La città è sempre quella, bellissima e stracarica di glorie e memorie, ma malvissuta dagli abitanti, cioè noi.
      Una cosa è sicura: non è una città per tutti i gusti. E’ una città per ‘amatori’. C’è chi gradisce moltissimo un’esperienza qui e chi ne resta traumatizzato. In ogni caso, non ci si annoia.

      Molte cordialità,
      DB

      20 luglio 2016 at 13:21 Rispondi
  • naty

    Pronti via..
    Il titolo di questo Post-
    Stamane …sono partita …non in costume ,la meta era :”la città “,
    uno squillo ,una voce Amica- mia e di questo Planet ,indovinato?no
    è un pochino difficile .lo svelo VERA ,si lei che mi ha chiamato per un breve
    incontro ,all’ombra di un piccolo giardino,su una panchina ,
    abbiamo dialogato…momenti piacevoli che porterò con me ,
    dentro quel vecchio cuore che batte per piccole e grandi emozioni.
    Grazie Vera per questo regalo!grazie Fili per avermi fatto incontrare
    delle Stelle …baci,Naty

    20 luglio 2016 at 12:55 Rispondi
    • veraB'

      Arrivo solo ora cara Naty, purtroppo il tempo ultimamente mi rapisce più del dovuto…
      Comunque sì, è stato un incontro inaspettato, organizzato telefonicamente 3 minuti prima dell’incontro “fisico”, tutto era perfettamente coordinato sui ns percorsi, ed è stato meraviglioso…
      Grazie Naty 🙂
      e come anticipato da Naty, Grazie Fili 🙂
      bacibacibaci
      veraB’

      24 luglio 2016 at 18:30 Rispondi
  • veraB'

    Credimi cara Fili, per me avresti potuto essere tranquillamente tu, in un immagine scattata ai tempi di modella, che non sono “vecchi tempi”, in quanto tu sei ancora una “modella” da far girar la testa e da seguire per trarre tanti stimoli, esempi e/o semplicemente anche solo da guradare…
    Bella sempre, un bacio 🙂

    24 luglio 2016 at 18:25 Rispondi

Leave a Comment