to top

eyes baby

chair

Sono tornata, weekend intenso… 😉 Ma ho avuto il tempo di sedermi e guardare le bellezze che ci circondano, un fortunato incontro casuale con l’artista Elvio Marchionni, che sostiene che il segreto è “sporcarsi le mani con l’Arte, facendo rivivere il gioco…” Apriamo gli occhi.

L’Italia in my heart.

  • PuroNanoVergine

    Sporcarsi la mani con l’Arte.
    Lavarsi le mani col Sapone.

    26 agosto 2013 at 16:34 Rispondi
    • Fili

      Fili

      …anche la bocca, a volte. 😉
      f.

      26 agosto 2013 at 16:41 Rispondi
      • PuroNanoMutoSono

        Ok, mi taccio 🙂

        26 agosto 2013 at 16:54 Rispondi
          • PuroNanoMutoEro

            Fiuuuu (sospiro di sollievo).

            p.s. però a volte potrei evitare commenti inutili (terrò a bada i polpastrelli)

            26 agosto 2013 at 18:46
  • naty

    “L’ Italia,nel tuo cuore”dimostri di essere felici,per aver contemplato la bellezza di luoghi semplici.
    Buona serata Planet,baci a fili …
    naty

    26 agosto 2013 at 18:06 Rispondi
  • naty

    FELICE !!!

    26 agosto 2013 at 18:07 Rispondi
  • Laura L

    Sono proprio delle belle foto, mi diverto ad ingrandirle per cogliere i particolari!
    L’Italia nel tuo cuore….. e tu sei entrata nel cuore degli italiani!!!
    Baci

    26 agosto 2013 at 18:49 Rispondi
      • Laura L

        In cima alla salita il BB (non credo stia x brigitte bardot!!!), le mani dell’ultima Madonnina che sembrano reali, il Santo vicino alla torre (resta un mistero)….. Potrei continuare i particolari fanno davvero la differenza!

        26 agosto 2013 at 19:03 Rispondi
  • Fiorella

    Sporcarsi le mani e non avere paura di farlo,con i miei bambini al nido,sono educatrice,lo facciamo quasi tutti i giorni.baci

    26 agosto 2013 at 18:49 Rispondi
  • Giu

    “sporcarsi le mani con l’Arte” è proprio il modo giusto di descrivere cosa succede quando hai a che fare con l’Arte. Infatti, spesso non succede solo dì ritrovarsi le mani imbrattate, ma, e direi soprattutto, capita di tirar fuori dì sé emozioni e sensazioni che possono mettere a disagio, farci sentire “sporchi” perché siamo riusciti a scoprire lati oscuri o semplicemente ignoti del nostro animo più profondo.
    Ma, per assurdo, questa sensazione sgradevole riesce ad avere una funzione terapeutica, a volte talmente forte che può riuscire a cambiare radicalmente il nostro modo di essere e di respirare il mondo.
    Non serve il sapone 😉
    Baci, Giu

    26 agosto 2013 at 20:33 Rispondi
      • Letizia

        Oddio, che sognooo!

        26 agosto 2013 at 21:32 Rispondi
      • Giu

        Le foto di Spello sono bellissime, come anche il panorama di Österlen del link.
        Non si può negare che quella settimana abbia dato degli ottimi risultati, infatti sei riuscita a far diventare la tua vita la migliore opera d’Arte 😉
        g.

        27 agosto 2013 at 09:31 Rispondi
  • Letizia

    Bentornata! 🙂 Quando manchi ‘a lungo’, ci si sente un po’ come dei bimbi che aspettano con ansia il ritorno a casa della mamma… ma ti assicuro che l’attesa è stata ampiamente ripagata con questo post e queste foto, che sono sempre una gioia per gli occhi e un colpo d’occhio (appunto, visto che siamo in tema… ;)) per i paesaggi e le inquadrature che ci regali!
    Non ti “sporcherai” le mani come un pittore o uno scultore, ma se non Arte anche questa… 🙂
    Baci e buona serata!

    “La fotografia è probabilmente fra tutte le forme d’arte la più accessibile e la più gratificante. Può registrare volti o avvenimenti oppure narrare una storia. Può sorprendere, divertire ed educare. Può cogliere e comunicare emozioni e documentare qualsiasi dettaglio con rapidità e precisione.”
    (John Hedgecoe)

    P.S. La seconda foto è una poesia! Complimenti alla Pulce/ a Mr. D, per l’attimo che ha colto!

    26 agosto 2013 at 21:26 Rispondi
      • Letizia

        ♥♥♥

        26 agosto 2013 at 21:33 Rispondi
  • manupia

    Vivere significa sporcarsi le mani. Vivere significa buttarsi con coraggio.
    Vivere significa cadere e sbattere il muso.
    Vivere significa andare al di là di voi stessi… tra le stelle.
    — Leo Buscaglia

    notte manupia

    26 agosto 2013 at 21:57 Rispondi
  • Melania

    Respiri profondi,
    libertà di pensiero e movimento,
    voglia di cercare spazi liberi lasciate tra case e mattoni,
    voglia di affondare le mani nel box dei colori,
    di sentire il profumo dei fiori,
    di camminare a piedi nudi per le stradine fatte di pietre…
    Grazie Filippa perchè quello che ci racconti, con semplicità e leggerezza
    riesce a suscitare sempre qualcosa di positivo e nuovi insegnamenti, praticare l’arte della libertà non è cosa facile ogni giorno essere se stessi guardare, pensare, agire liberamente è una sfida continua, ma indispensabile…
    Bello leggere i commenti del planet c’è sempre qualcosa da imparare…

    Buona giornata positiva,
    Melania.

    27 agosto 2013 at 08:49 Rispondi
      • Melania

        Difficile rispondere,
        è stata un’estate intensa, passata a pensare e a ripensare
        i sogni non ti mollano mai,
        non ho ancora preso, delle decisioni definitive
        causa di forza maggiore,
        ma continuerò certamente a studiare….
        Ti tengo aggiornata.

        Baci,
        Melania.

        27 agosto 2013 at 13:20 Rispondi
  • alessandra

    Ti leggo sempre ma non commento mai.
    Tu sei la prova di come rimanere con i piedi per terra e amare la vita senza montarsi la testa.
    Traspare dalle tue parole e dalla semplicità con cui le scrivi. Senza montare aggettivi inutili o costruire frasi che sembrano troppo finte, troppo perfette.
    La perfezione sta nella semplicità, è proprio vero.
    Tu ami l’Italia e l’Italia non potrebbe non amarti.

    Buona giornata,
    Alessandra

    27 agosto 2013 at 09:56 Rispondi
      • Letizia

        Beh, lui fa davvero poca fatica… alto com’è… 😉 🙂
        Comunque, La frase mi piace tantissimo e mi ci ritrovo alla perfezione!
        Baci baci!

        27 agosto 2013 at 12:03 Rispondi
        • PuroNanoVergine

          In effetti l’altezza conta.
          Sarà per questo che mia mamma mi ripeteva sempre:
          “Piedi piantati per terra e testa poco sopra” 🙂

          27 agosto 2013 at 13:42 Rispondi
  • Fiorella

    Ho scoperto dove hai scattato queste bellissime foto:spello!un giorno ci andro’.baci e un abbraccio

    27 agosto 2013 at 13:39 Rispondi

Leave a Comment